P.O.F. 2014/2015

In base al Regolamento sull’Autonomia DPR 275/99, in vigore dal 1 settembre 2000, ogni istituzione scolastica, con la partecipazione di tutte le sue componenti, predispone un Piano dell’Offerta Formativa che è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche. Il Piano segue le linee direttrici indicate dal Consiglio di Istituto i cui criteri generali sono:

Flessibilità – L’Istituto deve organizzarsi in maniera da assicurare un’adeguata risposta alle esigenze formative espresse dall’utenza, rilevando i bisogni formativi di ciascuno attraverso la somministrazione di prove di ingresso e garantendo la sostanziale applicazione delle linee educativo – didattiche dichiarate nel POF.

Programmazione – La scuola realizza i suoi servizi sulla base delle risorse disponibili, rispecchiando le intenzioni educativo – didattiche di ciascun team di progettazione e verificandone la reale fattibilità. Per garantire uno standard metodologico condiviso i piani di studio devono privilegiare la “metodologia del fare, dell’approfondire, del saper essere” e essere concordati tra i vari docenti coinvolti.

Efficacia – Gli interventi educativi messi in atto sono adeguati alle caratteristiche dei soggetti coinvolti e sono finalizzati a garantire il successo formativo. Tale efficacia è monitorata dagli insegnanti con intervalli regolari di tempo e con gli strumenti definiti dal Collegio dei Docenti.

Continuità – Gli interventi che contraddistinguono le scelte didattiche e pedagogiche prioritarie dell’Istituto si articolano in progetti che privilegiano la verticalità e sono quindi progressivamente rivolti a tutta l’utenza dell’Istituto. La particolare valenza educativa di tali progetti può essere supportata da contributi finanziari delle famiglie, deliberati annualmente dal Consiglio di Istituto.

Il Piano esplicita la progettazione del percorso formativo che prevede al suo interno anche interventi didattici mirati e elaborati dai team docenti che le scuole progettano autonomamente. Il POF, deliberato dal Collegio dei Docenti, è adottato dal Consiglio d’Istituto, viene consegnato in estratto alle famiglie che ne facciano richiesta all’atto dell’iscrizione.

Nell’elaborazione dell’offerta formativa il Collegio dei Docenti si ispira ai seguenti principi:

1. Rispetto della libertà d’insegnamento, intesa come riconoscimento delle diverse opzioni metodologiche e valorizzazione delle corrispondenti professionalità

2. Rispetto del diritto ad apprendere e alla crescita educativa di ciascun allievo, reso protagonista del proprio processo formativo

3. Promozione delle potenzialità di ciascuno, adottando tutte le iniziative utili al raggiungimento del successo formativo

4. Riconoscimento e valorizzazione delle diversità culturali

5. Adozione della flessibilità nei tempi di insegnamento

6. Adozione della flessibilità nella scelta e nell’utilizzo di metodologie e strumenti didattici coerenti con la realtà e lo sviluppo del gruppo classe (libri di testo, sussidi audiovisivi, materiale strutturato, software e supporti multimediali)

7. Realizzazione di iniziative di sostegno, di recupero, di arricchimento e di orientamento scolastico con particolare attenzione alle situazioni di disagio

8. Individuazione di modalità e criteri adeguati di valutazione degli alunni.

9. Ricerca e applicazione di idonee procedure di autovalutazione degli alunni.

Documento di Acrobat ReaderScarica il Piano dell’Offerta Formativa 2014-2015   [658 kb]